LOGIN    IT | EN

Comitato IoT & Cloud

La Trasformazione Digitale si fonda sui Dati e sul Cloud Computing. La generazione, l’elaborazione e la conservazione delle informazioni richiedono nuovi strumenti, nuove infrastrutture e nuove politiche industriali

COORDINATORE:
Antonio Cirillo - Olivetti

Il contesto

  • L’IT è un elemento cruciale per la competitività delle Imprese e la qualità dei servizi erogati dalla PA. Da qui il trend di accelerazione sul digitale (IT Transformation/Disruption)
  • Cloud & IoT sono tra i maggiori enabler di questa trasformazione in atto
  • Nell’adozione di servizi basati su Cloud & IoT sono evidenti due velocità: da un lato le Grandi Aziende, attive con numerosi progetti ed iniziative, e dall’altro PMI e PA che scontano ritardi significativi
  • Il reale beneficio per l’economia del nostro Paese (in termini di PIL, occupazione) si ottiene solo se si riescono ad attivare tutti gli attori della filiera (cittadini, PMI, Grandi Aziende e PA)

Mission

  • Definire «use case» finalizzati alla riduzione il gap esistente nell’adozione dei servizi Cloud & IoT nelle PMI e nella PA
    • Vs le grandi imprese italiane
    • Vs gli analoghi attori (PMI e PA) europei 
  • Individuare e testare sul campo le modalità più efficaci per accelerare la diffusione del digitale nelle PMI e nella PA

Temi aperti

  • Per le PMI:
    • dimensione/dispersione (il 95% delle imprese italiane ha meno di 10 dipendenti)
    • disponibilità di offerta e accesso all’innovazione
    • limitata cultura digitale
    • capacità di spesa e strumenti a supporto disponibili•
  • Per la PA:
    • burocrazia digitale (interfaccia digitale senza rivisitare/semplificare i processi)
    • frammentazione (servizi solo parzialmente digitali)
    • usabilità dei servizi (es. da mobile)
    • uniformità (es. servizi diversi da PA a PA e scarsa adozione spid)

Le attività: principali proposte per il 2018

  • Individuare 2 aree di intervento molto specifiche per PA e PMI sulla base del mix tra impatto sulla competitività, velocità e semplicità di implementazione, strumenti disponibili
    • Es. E-commerce, smart working, fatturazione elettronica per le PMI
    • Es. un processo critico nell’interazione tra PA e imprese da rendere «full digital» e uniforme  (es. SUAP, adempimenti verso CCIAA, etc)
  • Identificare i gap attuali e le barriere che limitano l’adozione del digitale
  • Piano di test «focalizzato» per 2 temi (PMI e PA) prima su scala ridotta (un polo/distretto, i comuni di una regione) con approccio «field testing»
  • Analisi e codifica dei risultati ottenuti al fine di evidenziare i fattori critici di successo (KSF) e definire una strategia di estensione delle aree di intervento